November 2009 Archives

Ho scoperto oggi l'esistenza di un prezioso tool MS per l'analisi dei problemi relativi all'SSL.

BoutDuTunnel per il tunnelling di connessioni

| 0 Comments | 0 TrackBacks
L'altro giorno mi sono imbattuto in un software che mi avrebbe fatto risparmiare giorni di lavoro se l'avessi scoperto 6 mesi fa.
Si tratta di BoutDuTunnel, che permette di effettuare connessioni verso servizi ui normalmente non si avrebbe accesso, perchè per esempio bloccati da un firewall restrittivo.

Che dire, ho già iniziato ad usarlo...

Scarica il programma (binari e sorgenti)

Reflexil: un tutorial

| 0 Comments | 0 TrackBacks
Su CodeProject, un articolo aggiornato alla versione più recente di Reflexil.

Scarica l'articolo in PDF.
Scarica reflexil (binari o sorgenti)

Anche i Nobel, nel loro piccolo...

| 0 Comments | 0 TrackBacks
Copio e incollo dal sito Chicago-blog.it


Nel 2002, l'economista Joseph Stigler - allora fresco vincitore del Premio Nobel - pubblicò (insieme a Jonathan Orszag and Peter Orszag) un articolo sui Fannie Mae Papers.

Il paper riguardava proprio le due agenzie Fannie Mae e Freddie Mac (imprese finanziarie private, ma sorrette da una garanzia pubblica) impegnate nell'erogazione di mutui ipotecari, le quali saranno travolte dalla recente crisi finanziaria e quindi salvate dall'amministrazione americana nel luglio del 2008.  A detta degli autori, però, entrambe queste realtà difficilmente avrebbero mai avuto bisogno di un "bailout" pubblico: i risultati del modello econometrico sviluppato nel testo suggerivano infatti che, sulla base dell'evidenza storica, il rischio di un crollo di queste "sponsored government enterprises" era sostanzialmente nullo. Nel lavoro vengono simulate "le condizioni economiche e finanziarie della Grande Depressione" e se ne conclude che "se una crisi durasse dieci anni, dati i livelli di capitale del 1990, sia Fannie Mae che Freddie Mac avrebbero capitale sufficiente per sopravvivere".

Il testo non è più disponibile nel sito di Fannie Mae, che dopo aver commissionato il lavoro forse non è ne più tanto soddisfatta. Anche nel sito personale di Stiglitz non c'è traccia dell'articolo, che pure analizza una questione non secondaria nella complessiva vicenda della crisi. La sensazione è che il paper manchi non tanto perché considerato irrilevante in virtù del tema trattato, ma semmai imbarazzante per le tesi sostenute. Specie alla luce di quanto è successo.

Grazie alla rete, però, è facile andare a leggere cosa Stiglitz e i suoi colleghi scrivevano: ad esempio usando Google Scholar. L'economista libertario Pierre Lemieux, che ha segnalato la cosa, ha messo il paper "incriminato" nel suo stesso sito e quindi esso è direttamente scaricabile qui. In virtù della libertà delle rete, a ognuno è insomma possibile accedere a questo piccolo ma non insignificante episodio della storia del pensiero economico contemporaneo, e anche delle relazioni tra l'Accademia e il sistema finanziario collassato di recente.


Il testo è disponibile anche qui.

Michael Moore e Gesù

| 0 Comments | 0 TrackBacks
Lo so, l'accoppiata pare strana, in effetti credo a ragion...

Una delle recenti uscite del regista ha suscitato come al solito reazioni, la più interessante delle quali mi è parsa questa (da PajamasMedia):

Michael Moore has been bashing capitalism, its excesses, and its lack of concern for workers and their exploitation. A story that backs Moore up comes from a reliable source. It's a story of naked capitalism ignoring the rights of workers and arbitration.

A farmer had some crops that needed to be harvested and he hired day laborers, agreeing to pay them $100 for working a 12-hour shift. The farmer was in a hurry to get his crops harvested, so he went out again two hours into the shift and hired more workers. He continued to look for laborers throughout the day, bringing in more laborers every hour. Finally, at seven o'clock, one hour before sunset, he brought in a dozen more workers to help finish the job.

He then lined the workers up to give them their pay and he paid first the workers who had only worked an hour. Those who stood, sweat dripping from their bodies from a 12-hour shift, smiled when they saw the one-hour hires get $100. They figured that meant they'd get paid extra. But to their horror, the farmer also paid them only $100.

They confronted the capitalist with the charges of favoritism and unjust discrimination. Rather than offering arbitration, the farmer responded, "I'm not doing you any wrong. Didn't you agree to work for $100? Take your money and leave. I'll pay the people who worked an hour the same as I paid you. Isn't it lawful for me to do what I want with my own money?"

Who is this capitalist exploiter of workers who thinks he can pay people whatever he wants?

Most theologians will tell you this landowner represents none other than Christ himself. The names, currencies, and exact quotes have been changed, but the essence of the story Christ told in Matthew 20 [1] hasn't. It's a helpful story to remember when Michael Moore is out telling us that capitalism is anti-Jesus [2].

Moore's statement is one of two grave theological errors that liberals commonly make when recruiting religion to their cause. At best, he's doing eisegesis [3], where, rather than trying to figure out what stance the Bible takes on an issue, the debater comes to the Bible with a point of view and then cherry-picks scripture to support that view, ripped from any context.

Thus, passages written to explain how individuals ought to govern their lives are taken to explain what government ought to make individuals do. Scriptures that explain how the church should take care of the poor are used to show how government ought to take care of the poor. Scriptures that show how the early church in Jerusalem entered into a voluntary association to share everything are used to explain why the government ought to force others to share. That Jesus warned of the danger of spiritual emptiness in reliance on riches is proof that the government ought to be able to play Robin Hood. Because Jesus told one specific rich young man that he should give all he had to the poor, redistribution of wealth should reign supreme.

However, most liberals don't show any respect for the Bible in making the argument "what would Jesus redistribute?" Instead, two assumptions are made: 1) Jesus was a compassionate and reasonable person and 2) the positions of the left are compassionate and reasonable. Therefore, Jesus would agree with the left.

In the hands of such armchair theologians, Jesus is treated the same way fictional heroes such as Captain America and Superman are by the liberals who control the media. Captain America began his career as the most patriotic of heroes and ended it an uncertain liberal twit [4]. Superman began as the paragon of virtue and was transformed into the type of guy who takes Lois Lane to the Fortress of Solitude for some hanky panky[5] so nobody would feel challenged by a hero that was too virtuous for our age.

Jesus is no different to Moore and his ilk, just a figure who can be spun to fit the paradigm of the leftist elite. However, to achieve this end, Christianity must be deconstructed. The inconvenient words of the Christian scriptures must be ignored. The Old Testament must be ignored and it must be said that the apostle Paul was not inspired by God, but speaking out of turn when he said that those who refused to work should not eat [6]. Vital aspects of the Christian faith such as salvation and the resurrection are de-emphasized in favor of social programs.

The result of this tinkering is a meaningless, irrelevant Christianity where faith is put not in the power of God, but the power of the state to force us to do the right thing or else. Thus, the liberal's Jesus is not Holy God who came down to save man, but a nice guy who said some good things in hopes that we would realize our need for a powerful state to give us national health care.

If Jesus is merely a Superman the left can spin as a Middle Eastern Oprah with a beard, who cares if capitalism is anti-Jesus? I might as well declare capitalism anti-Babe Ruth and reconstruct the Bambino as someone who, given the poor circumstances of his birth, would reject capitalism. As the mass exodus from liberal churches shows [7], few care what an irrelevant Jesus recreated in the image of the modern man has to say. It doesn't matter to most that a centurion standing at the death of this fictional Jesus would say, "Surely, this man was a nice guy with a small carbon footprint."

The reason Moore and friends rarely cite the full body of scripture is that, read in context, there's no justification for a socialist interpretation of the text. In Romans 13, Paul describes [8] the function of government as "being a terror to evildoers" and warns that the state doesn't bear the sword in vain. He never talks about the state as a provider.

In the most misunderstood passage of scripture, where the church had all things in common, a man sold his property but held back a portion of the funds. Note he was not condemned for holding back the funds, but for lying about how much he sold it for and pretending to have given it all. The apostle Peter declared, "While it remained unsold, did it not remain your own? And after it was sold, was it not at your disposal?" (Acts 5)

The Old Testament is even more interesting because, according to scripture, God established the framework for a national government in ancient Israel. God could have invented socialism and called for the forced redistribution of wealth. He could have created a state that would meet the needs of all Israel. Instead, the Pentateuch creates no central state and charges village elders with enforcing the Biblical law, which required moral behavior and justice. The Bible did call for the people to give a tenth of all their increase to God; however, God never gave anyone the power to enforce it.

The only central government God ever had was the intermittent presence of judges, who would help deliver the nation from their enemies and then serve as a judge until their death. The people decided [9] they wanted a king like all the other nations. Or as the liberals would have said, "No other nation in the industrialized world doesn't have a king."

God agreed to grant their request, but ordered Samuel to warn the people what a king would mean. 1 Samuel 8:17 sums up [10] the point of the speech well: "You shall be his slaves." And the Bible records king after king proving God right through their foolish, petty, and oftentimes evil and murderous reigns.

The Bible is clear about the folly of living a life focused solely on acquiring riches and the spiritual emptiness that results. However, it is also clear on the dangerous folly of looking to the state as a messiah. Those who seek to create an anti-capitalist, pro-statist Christianity imagine one error can be corrected by practicing another vigorously.


[1] Christ told in Matthew 20: http://www.biblegateway.com/passage/?search=Matthew%2020:1-15&version=KJ21

[2] telling us that capitalism is anti-Jesus: http://money.cnn.com/2009/09/22/news/economy/michael_moore_capitalism_love.fortune/index.htm?postversion=2009092308

[3] eisegesis: http://en.wikipedia.org/wiki/Eisegesis

[4] an uncertain liberal twit: http://www.nationalreview.com/comment/comment-medved040403.asp

[5] who takes Lois Lane to the Fortress of Solitude for some hanky panky: http://en.wikipedia.org/wiki/Superman_II#Plot

[6] should not eat: http://www.biblegateway.com/passage/?search=2%20Thes.%203:10&version=KJ21

[7] the mass exodus from liberal churches shows: http://www.virtueonline.org/portal/modules/news/article.php?storyid=10010

[8] describes: http://www.biblegateway.com/passage/?search=Romans%2013:1-6&version=KJ21

[9] decided: http://www.biblegateway.com/passage/?search=1%20Samuel%208:4&version=ESV

[10] sums up: http://www.biblegateway.com/passage/?search=1%20Samuel%208:17&version=ESV


Per i pigri che non vogliono controllare, il testo del passo citato secondo la traduzione della CEI (Matteo 20:1-15)


 1«Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all'alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. 2Accordatosi con loro per un denaro al giorno, li mandò nella sua vigna. 3Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano sulla piazza disoccupati 4e disse loro: Andate anche voi nella mia vigna; quello che è giusto ve lo darò. Ed essi andarono. 5Uscì di nuovo verso mezzogiorno e verso le tre e fece altrettanto. 6Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano là e disse loro: Perché ve ne state qui tutto il giorno oziosi? 7Gli risposero: Perché nessuno ci ha presi a giornata. Ed egli disse loro: Andate anche voi nella mia vigna.

 8Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: Chiama gli operai e dà loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi. 9Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. 10Quando arrivarono i primi, pensavano che avrebbero ricevuto di più. Ma anch'essi ricevettero un denaro per ciascuno. 11Nel ritirarlo però, mormoravano contro il padrone dicendo: 12Questi ultimi hanno lavorato un'ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo. 13Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse convenuto con me per un denaro? 14Prendi il tuo e vattene; ma io voglio dare anche a quest'ultimo quanto a te. 15Non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?


SUDO... da ridere

| 0 Comments | 0 TrackBacks
sudo.jpg

Cache dei contenuti in ASP.NET

| 0 Comments | 0 TrackBacks
Da Software Architects, un'idea interessante sulle possibilità di cache di contenuti quando non si ha pieno accesso alle funzionalità di caching messe a disposizione da IIS (per esempio, in un hosting condiviso), oppure i contenuti (immagini, js, ...) sono sparsi in parecchie cartelle.

L'idea di base consiste nel creare un handler da associare alle estensioni per cui si vuole attivare i meccanismi di caching. L'articolo è consultabile online, anche su CodeProject, ed è possibile scaricare i sorgenti completi dell'implementazione suggerita.

Qui l'articolo in PDF.

Quelli che... bisogna investire nella Giustizia

| 0 Comments | 0 TrackBacks
Copio e incollo da Italia Oggi del 03/11/09, di Franco Talenti:

Per giustificare lo stato disastroso della macchina giudiziaria (circa 9 milioni di cause arretrate, tempi biblici per ottenere una sentenza, 156° posto nella graduatoria mondiale dell'efficienza su 181 Paesi, dietro a Tonga), a volte il sindacato unitario delle toghe (Anm) sostiene che è colpa della scarsità dei mezzi economici messi a disposizione dal governo. Falso. Anzi, è vero il contrario.

Per riformare la giustizia, obiettivo spesso declamato e finora mai attuato dal governo Berlusconi, non serve spendere più soldi, ma spenderli meglio e soprattutto - risolvere il problema della governance, rimettendo in discussione lo strapotere del sindacato dei magistrati e del Csm. Secondo uno studio della Cepej (European commission for the efficiency of justice), l'Italia spende per la giustizia lo 0, 26 per cento del pil, che è molto di più di quanto spende la Francia (0, 19 per cento). Per il funzionamento della giustizia (tribunali, pubblici ministeri e gratuito patrocinio per i non abbienti), la spesa pro capite dello Stato è di 70 euro in Italia, contro i 53 della Francia, dove però la giustizia funziona.

La spesa complessiva per la giustizia in Italia non è mai diminuita, ma è sempre aumentata, come ben documenta il saggio di Stefano Livadiotti Magistrati L'ultracasta: dai 5 miliardi 187 milioni di euro del 1997 si è passati ai 7 miliardi 608 milioni del 2008, con un aumento degli stanziamenti del 46, 8 per cento in 11 anni.

La macchina giudiziaria italiana è più estesa e capillare che negli altri paesi europei. L'Italia dispone di 1. 292 tribunali, contro i 1. 136 della Germania, i 773 della Francia, i 703 della Spagna e i 595 della Gran Bretagna. Ma, allora, perché la giustizia italiana è così inefficiente?Semplice. I soldi ci sono, ma sono gestiti male. Abbiamo molti tribunali e molti magistrati, ma questi ultimi non solo sono mal dislocati ma lavorano anche poco, molto meno dei loro colleghi europei, mentre sono pagati tantissimo, più che nel resto d'Europa.

L'orario di lavoro dei magistrati italiani è da Paesi di Bengodi. Il loro monte di lavoro annuo, pari a 1. 560 ore (una media molto generosa, che considera anche il sabato come giorno di lavoro), è inferiore al monte annuo che, tra pubblico e privato, si raggiunge in Italia: 1. 800 ore (1. 750 nei Paesi Ocse). In compenso, i magistrati italiani sono pagati non bene, ma benissimo. La retribuzione media è salita da 97. 090 euro l'anno nel 2003 a 107. 429 euro nel 2005, con uno scatto del 10, 6 per cento in tre anni. Così il magistrato italiano ha uno stipendio lordo superiore del 41, 4 per cento rispetto al collega tedesco e del 16, 1 per cento rispetto a quello francese.

La produttività, invece, è crollata anno dopo anno. I fascicoli chiusi «pro capite» dai giudici italiani sono passati da 654 nel 2001 a 533 nel 2006. La media delle udienze è di appena 16 nelle corti d'appello nel civile e nelle cause di lavoro, mentre nel penale si arriva a 28 udienze: attenzione, trattasi di una media non mensile, bensì annuale!

Un bilancio completo non può ignorare il trattamento principesco che si sono riservati i membri del Csm. A conti fatti, questo è l'organismo giudiziario più ricco in Europa. Ha un budget annuo di oltre 30 milioni di euro (bilancio 2007), e ha in organico 270 persone, compresi 64 autisti per 54 berline blu. Giusto per fare un confronto, il Csm francese funziona benissimo con appena 11 dipendenti, e solo 3 autisti.

Quanto agli stipendi, siamo al top della pubblica amministrazione. Il vicepresidente (il più alto in grado dopo il presidente della Repubblica, che presiede anche il Csm) intasca 16. 516 euro al mese, che è lo stipendio del primo presidente della Cassazione. Gli altri consiglieri sono equiparati ai presidenti di commissione della Cassazione e intascano 14. 264 euro al mese.

A conti fatti, poiché al Csm vige una settimana cortissima e non si lavora più di 12-15 giorni al mese, si tratta di uno stipendio di mille euro lordi al giorno di impegno effettivo. Ma questo è solo l'inizio. A Palazzo dei Marescialli, sede del Csm, è stato infatti messo a punto un sistema di benefit che non ha eguali al mondo.

Un elenco, certamente incompleto, comprende: auto blu con autista, rimborso dei pasti, diaria per i viaggi-scampagnata all'estero, rimborso delle spese di viaggio (aereo, treno, vagone letto, taxi), sanità privata per il consigliere e per i suoi familiari. In più, ci sono i gettoni di presenza per ogni riunione. Ovvero: 306 euro per ogni seduta dell'assemblea plenaria, 351 per la commissione disciplinare, 144 per il comitato di presidenza e per le altre commissioni. Incredibile a dirsi, i gettoni sono cumulativi anche nella stessa giornata.

Così, sommando nello stesso giorno un'assemblea plenaria e una partecipazione alla commissione disciplinare, ecco 657 euro in più nello stipendio. Se la plenaria non è prevista, è possibile partecipare a due commissioni di lavoro (lavoro? si fa per dire), e sommare i relativi gettoni. Per la partecipazione non è necessario fare parte della commissione che si riunisce: basta entrare nella stanza, fare atto di presenza per dieci minuti-un quarto d'ora, giusto il tempo di farsi registrare e conteggiare il gettone. Poi si può uscire tranquillamente per lo shopping per le vie della capitale, e tornare dopo il pranzo (rimborsato a pié di lista) per un'altra riunione di commissione, stazionarvi altri dieci minuti, e intascare un secondo gettone. Anche se non tutti, fortunatamente, fanno così. Di fronte a queste cifre e a questi metodi, si prova un forte senso di indignazione di fronte a certe «tirate» (soprattutto quelle morali) del Csm contro le proposte avanzate in Parlamento e dal governo per riformare la giustizia. A conti fatti, il Csm è al vertice di un apparato che costa molto, ha una produttività del tutto insufficiente, discredita l'Italia e provoca, con la sua lentezza, danni irreparabili alla società e all'economia nazionale. Un Csm e un apparato giudiziario siffatti, prima si riformano, meglio sarà per tutti.

Qualche momento di leggerezza...

| 0 Comments | 0 TrackBacks
Semplicemente monumentale

dilbert-interview.png

Memory leak in applicazioni .NET

| 0 Comments | 0 TrackBacks
Un articolo approfondisce il problema, talvolta sottovalutato, relativo ai memory leak in applicazioni .NET, e suggerisce tecniche e strumenti per l'individuazione.


Frasi celebri: James Dale Davidson

| 0 Comments | 0 TrackBacks
When you subsidize poverty and failure, you get more of both.